Le 7 fasi psicologiche del dolore cronico. # 3 è rabbia

Ti sei mai chiesto se le altre persone con condizioni di salute croniche si sentissero come te?

Durante i miei anni di dolore e malattia cronici, insieme alle centinaia di pazienti che ho consigliato, ho scoperto che, mentre tutti affrontano a modo loro e vivono le loro condizioni in modo univoco, ci sono sentimenti comuni che la maggior parte di noi condivide.

Quando ho iniziato a consigliare pazienti con dolore cronico, ho spesso utilizzato “Five Stages of Grief” di Elizabeth Kübler-Ross per aiutarli a capire cosa stavano passando.

Ma col passare del tempo, ho riflettuto su ciò che ho vissuto con le mie condizioni croniche e anche sui miei pazienti “. Sembrava che queste fasi, sebbene molto utili, non spiegassero pienamente l’ampia gamma di emozioni che le persone con malattie croniche provano.

Dopotutto, Kubler-Ross li ha sviluppati per spiegare le risposte al dolore e alla perdita. Avere una malattia cronica può essere vista come un tipo di perdita, ma non sono stati sviluppati specificamente per spiegare le emozioni delle persone che vivono condizioni croniche.

Loading...

Ho usato gli stadi di Kübler-Ross come modello per sviluppare le sette fasi psicologiche del dolore e della malattia cronica:

1. Negazione

In questa fase, siamo in uno stato di shock e rifiuto. Ci chiediamo come cambierà la nostra vita e come vivremo con questi cambiamenti. La negazione e lo shock ci aiutano a far fronte e rendere possibile la sopravvivenza.

Questo stadio può essere pericoloso per le persone con dolore e malattia cronica perché, se negano la loro condizione, non possono prendere i provvedimenti necessari per ottenere loro stessi il trattamento di cui hanno bisogno.

Esempio: “Non è un grosso problema, andrà via” o “Il dottore ha torto, non ho il diabete”.

2. Implorazione, contrattazione e disperazione

Questo è il palcoscenico in cui vogliamo più di ogni altra cosa che la vita sia quella che era una volta. Ci fissiamo su tutto ciò che potrebbe far sparire la nostra malattia e il nostro dolore – o qualsiasi cosa possa darci qualche parvenza della vita che abbiamo avuto una volta.

Potremmo trovare difetti in noi stessi e ciò che pensiamo avremmo potuto fare diversamente. Potremmo persino contrattare con il dolore o la malattia perché faremmo qualsiasi cosa per non sentirli più. La colpa è comune quando si contrattano.

Esempio: “Per favore, non lasciare che questo mi rovini la vita” o “Se lasci andare il dolore, prometto che sarò una persona migliore”.

3. Rabbia

Dopo aver concluso che la nostra supplica e la contrattazione non cambieranno la diagnosi, la rabbia insorge.

La rabbia è una fase necessaria del processo di guarigione. I sentimenti di rabbia possono sembrare infiniti, ma è importante sentirli. Più proverai veramente rabbia, più comincerà a diminuire e più guarirai. La tua rabbia non ha limiti e può estendersi ai tuoi medici, familiari, amici e persone care.

La rabbia si sente spesso più tardi quando la malattia e il dolore progrediscono, o ci trattiene dal fare le cose che vorremmo.

Esempio: “Questo non è giusto! Non ho fatto nulla per meritarmi questo! “O” Dammi solo qualcosa che mi faccia sentire meglio! “

4. Ansia e depressione

I sentimenti di vuoto e dolore appaiono a un livello molto profondo. Questo stadio depressivo sembra durare per sempre. È importante capire che questa depressione non è un segno di malattia mentale. È la risposta appropriata a una perdita oa una situazione che altera la vita.

Possiamo ritirarci dalla vita e chiederci se c’è un punto in corso. La depressione dopo una perdita è troppo spesso vista come innaturale o qualcosa che deve essere strappato via. Essere diagnosticati con una malattia cronica o provare dolore cronico è una perdita – una perdita della vita che hai avuto una volta.

Avere un dolore o una malattia cronica può anche provocare sentimenti di ansia; ansia per ciò che riserva il futuro, ansia per non essere all’altezza delle aspettative, ansia per le situazioni sociali, ansia per le spese mediche, ecc.

Esempio: “Avrò dolore per sempre, quindi perché preoccuparmi?” O “Avrò debiti per sempre. Come farò mai a pagare queste spese mediche? “

5. Perdita di sé e confusione

Avere dolore o malattia cronica può voler dire rinunciare a qualche aspetto chiave di ciò che ci ha resi ciò che eravamo. Potrebbe significare un’incapacità di essere fisicamente attivi come una volta. Può significare non essere in grado di essere socievole come vorremmo o potrebbe anche voler dire rinunciare a una carriera.

Potresti svegliarti un giorno e non riconoscere la persona che sei ora. Puoi domandarti quale sia il tuo scopo nella vita ora. Questo stadio può verificarsi contemporaneamente all’ansia e alla depressione, oppure può essere separato.

Esempio: “Non mi riconosco nemmeno più”. O “La mia carriera era la mia identità. Chi sono io senza quello? “

6. Ri-valutazione di vita, ruoli e obiettivi

Avere una condizione cronica spesso significa rinunciare molto. Siamo costretti a rivalutare i nostri obiettivi e i nostri futuri. Siamo costretti a rivalutare chi siamo come marito, moglie, madre, padre, fratello o amico. Anche se una volta abbiamo avuto una carriera di successo che ci ha dato uno scopo, potremmo trovarci a interrogarci su cosa possiamo fare per il lavoro in futuro e su come possiamo contribuire alle nostre famiglie.

Mentre una volta eravamo in grado di fare tutto, stiamo ora rivalutando ciò che deve assolutamente essere fatto durante i nostri giorni e come possiamo raggiungere questi obiettivi rimanendo comunque di umore positivo. Rivalutare la tua vita, i ruoli e gli obiettivi è un primo passo cruciale nell’accettare la tua condizione.

Esempio: “Potrei non essere più in grado di essere un’infermiera, ma forse potrei insegnare lezioni un paio di volte alla settimana.” Oppure “Non posso più essere fisicamente attivo con mio marito, quindi che altro posso fare per mostrarglielo lo amo?

7. Accettazione

L’accettazione è spesso confusa con l’idea di essere “OK” con quello che è successo. Questo non è vero. Molte persone non si sentono mai OK di dover vivere con il dolore o una malattia per il resto della loro vita.

Questo stadio riguarda l’accettazione della realtà della tua situazione e il riconoscimento che questa nuova realtà è permanente. Non ci piacerà mai questa realtà e potrebbe non essere mai OK, ma alla fine la accettiamo e impariamo a vivere la vita con essa. È la nuova norma con cui dobbiamo imparare a vivere.

Dobbiamo apportare adattamenti e alterazioni alle nostre vite. Dobbiamo trovare nuove cose che ci portino gioia.

Esempio: “Non ho intenzione di lasciare che questo mi definisca. Imparerò ad affrontare questo il meglio che posso. “

È importante ricordare che queste fasi non sono lineari. Mentre alcune persone iniziano nella fase di rifiuto, si muovono attraverso ogni fase e finiscono con l’accettazione, molte persone saltano avanti e indietro per tutte le fasi. Spero che queste fasi diano un po ‘di conforto a coloro che stanno vivendo condizioni croniche.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *