Cos’è la nevralgia occipitale e come si collega alla fibromialgia

Una delle cose peggiori della fibromialgia, oltre al dolore e all’affaticamento cronici, deve essere il modo in cui le persone che soffrono di fibromialgia sono a rischio di tante altre condizioni come le malattie autoimmuni e, in particolare, il mal di testa cronico.

Si stima che fino al quaranta percento delle persone con fibromialgia soffra di emicrania o qualche altra forma di mal di testa persistente. Ma come la fibromialgia, è difficile arrivare al fondo di ciò che sta causando il tuo mal di testa. E come la fibromialgia, le emicranie sono spesso erroneamente diagnosticate. In realtà, alcune persone che soffrono di mal di testa persistente non soffrono in realtà di emicrania, ma da una condizione correlata chiamata nevralgia occipitale. Quindi, qual è la nevralgia occipitale? Com’è collegato alla fibromialgia? E cosa puoi fare per trattarlo?

Cos’è la nevralgia occipitale?

La nevralgia occipitale è una condizione che causa dolore cronico alla base del cranio. Le persone spesso lo descrivono come uno shock elettrico o addirittura simile al pugnalato al muscolo. Il dolore di solito si irradia dalla parte posteriore della testa lungo il collo e lungo i lati della testa o dietro l’occhio.

La radice della condizione si trova nei nervi occipitali. Questi sono i nervi che scorrono dalla parte posteriore del collo e la spina dorsale attraverso i lati della testa fino al cuoio capelluto. Ma a volte, le lesioni o l’infiammazione dei muscoli della colonna vertebrale fanno sì che il tessuto inizi a premere su questi nervi. Questo porta a una condizione chiamata nevralgia, in cui i nervi iniziano a inviare segnali di dolore al cervello.

Questo produce i sintomi che sono simili alle emicranie, il che rende difficile diagnosticare la condizione. I medici possono diagnosticare la condizione eseguendo un esame fisico, premendo il dito sulla base del cranio per vedere se il tuo dolore peggiora. Inoltre, possono anche darti qualcosa chiamato blocco nervoso, che interrompe l’interazione tra i nervi, che può aiutare a dimostrare che è la nevralgia piuttosto che l’emicrania.

Ma ci sono molte condizioni diverse che possono portare alla neuropatia, motivo per cui potrebbe interessare le persone con fibromialgia più frequentemente rispetto alla popolazione generale.

In che modo è correlato alla fibromialgia?

La fibromialgia ti mette a rischio di una serie di condizioni diverse e alcuni di loro sono anche fattori che contribuiscono alla nevralgia. Per esempio, il diabete è una lamentela comune delle persone con fibromialgia. E il dolore nervoso del diabete può contribuire significativamente al rischio di sviluppare nevralgia occipitale.

Inoltre, sappiamo che avere la fibromialgia ti rende più probabile che sviluppi condizioni autoimmuni. Una condizione autoimmune è quella in cui il sistema immunitario del corpo inizia ad attaccare il tessuto del corpo. Ciò provoca infiammazioni dolorose su tutto il corpo. E una comune condizione autoimmune è qualcosa chiamata arterite. L’arterite provoca infiammazione nelle pareti dei vasi sanguigni. Questa infiammazione può mettere sotto pressione i nervi occipitali e può essere una causa alla radice della nevralgia.

E anche la fibromialgia sembra influenzare i nervi stessi. La fibromialgia sembra far scattare i nervi per inviare segnali di dolore al cervello. E potrebbe essere che le stesse connessioni nervose possono contribuire ai sintomi della nevralgia occipitale.

Quindi, ci sono molte diverse possibili ragioni per cui la fibromialgia potrebbe contribuire alla condizione, ma quello che probabilmente vorresti sapere se ne soffrirai è quello che puoi fare per curarlo.

Come puoi trattarlo?

Ci sono alcune cose che puoi fare per dare un po ‘di sollievo. La cosa migliore da fare è riposarsi. Muovere il collo può peggiorare il dolore. Invece, sdraiarsi e applicare un impacco caldo alla parte posteriore del collo. E massaggiare i muscoli del collo può aiutare, così come i farmaci antidolorifici di base, da banco.

Il medico può anche prescrivere un numero di farmaci che può aiutare con i sintomi. Il tuo medico potrebbe prescrivere rilassanti muscolari per aiutare ad allentare i muscoli troppo tesi che stanno premendo sui nervi. E possono anche prescrivere colpi di steroidi che aiutano a ridurre l’infiammazione del tessuto.

Inoltre, il medico può darti regolari iniezioni di blocchi nervosi. Questi blocchi nervosi tendono a svanire dopo una settimana o due, quindi probabilmente avrai bisogno di un certo numero di trattamenti per aiutare a controllare i sintomi.

In combinazione con riposo e impacchi caldi, questi farmaci sono in genere sufficienti a risolvere i peggiori sintomi della condizione.

SPERO TI PIACCIA,

SI PREGA DI CONDIVIDERE

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *